Sfoglia l’ultimo numero

sfoglia l'ultimo numero online della rivista Mete d'Italia o del mondo cliccando qui

Sfoglia l'ultimo numero online!

Gli arretrati

sfoglia o richiedi gli arretrati di Mete Magazine

Sfoglia o richiedi gli arretrati

Archivi

L’Ottocento Italiano è importante? Ebbene, sí

antonio_fontanesi_aprile._sulle_rive_del_lago_del_bourget_in_savoia_olio_su_tela_102_x_153_cm_collezione_privataGIAN LUIGI ZUCCHINI   –   Sembra proprio che, stando alle mostre in corso ed a quelle appena annunciate, si voglia riproporre l’Ottocento italiano naturalmente valorizzandolo, dopo quasi un secolo di prese in giro e di critiche più o meno feroci, a cominciare da Roberto Longhi. Ma ora non si tratta di fare un confronto con gli Impressionisti o il mite Millet o Barbizon, con paesaggi boscosi e la natura bellissima tra ombre e luci, ma di ritrovare, attraverso la pittura, i grandi ideali che hanno formato una nazione, hanno intuito il progresso, hanno valorizzato la realtà rappresentandola nella vita quotidiana e anche nella miseria, e nel contempo hanno raccontato la storia, il passato, l’angoscia e la malinconia, il fervore virile, l’amore e la morte. Tutto ciò, e molto altro ancora, lo si può dedurre soprattutto da alcune mostre, che riassumiamo in breve per ragioni di spazio, dalle quale si ha una visione delle molteplici anime dell’Ottocento, dalla freddezza neoclassica della perfezione fine Settecento all’irruenza del primo Romanticismo, all’ascolto ed alla realizzazione di quanto Foscolo andava scrivendo e gridando: “Italiani, io vi esorto alle storie”. Leggi il resto di questo articolo »

Print Friendly

Il Premio Costa Smeralda apre la stagione estiva. A Porto Cervo dal 26 al 28 aprile 2019

unnamed-1È il Premio Costa Smeralda a inaugurare la stagione degli eventi attirando in Sardegna scrittori, divulgatori, scienziati e personalità della cultura italiana e internazionale per la seconda edizione del concorso letterario interamente dedicato al mare come motore vitale, culturale, scientifico, ecologico ed economico, globale e vieppiù regionale.

Il lungo fine settimana di iniziative – tra le festività del 25 aprile e il 1° maggio – che culmina con la cerimonia di premiazione in programma il 27 aprile al Conference Centre di Porto Cervo, è un appuntamento che segna altresì l’apertura della stagione culturale italiana. Nella tre giorni del Festival, dibattiti, incontri, emozioni, testimonianze e proposte concrete intorno e per il mare, rendono il Premio Costa Smeralda un vero happening internazionale capace di elevare il livello di attenzione e di considerazione intorno alla letteratura di mare e al mare stesso, in equilibrio tra letteratura e scienza. Leggi il resto di questo articolo »

Print Friendly

Polignano a Mare si conferma la casa della Red Bull Cliff Diving World series

image003SI CONSOLIDA IL SODALIZIO CON LA REGIONE PUGLIA E IL 2 GIUGNO SI FESTEGGIANO L’ITALIA E LO SPORT

Red Bull Italia Pugliapromozione Agenzia regionale del Turismo della Regione Puglia hanno annunciato oggi alla B.I.T. (Borsa Internazionale del Turismo) di Milano, che il campionato di tuffi da grandi altezze più adrenalinico del mondo, nel 2019, fa nuovamente tappa a Polignano a Mare in una data fra le più importanti e simboliche per l’Italia: il 2 GiugnoFesta della Repubblica Italiana.

Alla conferenza di presentazione sono state raccolte le diverse dichiarazioni:

Loredana Capone, Assessore Regionale al Turismo Regione Puglia: “Dal 2015 al 2018 abbiamo registrato una crescita del 41% nel comparto del turismo nella nostra Regione. Leggi il resto di questo articolo »

Print Friendly

San Valentino all’ Hotel PFÖSL, 
nel cuore delle Dolomiti

unnamedUn San Valentino immersi nel silenzio e nella pace di 35 ettari di prati innevati? Un paesaggio incantato dove innamorarsi. Ciaspolate, slittate anche sotto le stelle e, naturalmente, discese con gli sci sulle piste di Obereggen.
L’hotel di Pfösl di Nova Ponente, il paese più soleggiato di tutto l’Alto Adige, è stato completamente rinnovato a giugno 2017, con 3 nuovi splendidi lussuosi chalet in legno di 60 metri quadri costruiti nel bosco, 18 nuove luminose suite panoramiche con giardino, una nuova piscina ed una nuova sauna esterna con un lungo, emozionante percorso Kneipp all’aperto, la sala ristorante panoramica ampliata. Per una vacanza indimenticabile sempre più in sintonia ed in contatto con la natura, l’hotel è stato progettato secondo criteri green. I mobili in legno massiccio, i tessuti sapientemente realizzati dai laboratori alto atesini, l’illuminazione degli spazi che rende le atmosfere idilliache e sospese, il panorama sulle Dolomiti e la location soleggiata, l’area benessere ampliata sono i numerosi plus che l’hotel Pfoesl è lieto di presentare: per San Valentino l’hotel Pfoesl diventa un nido d’amore che promette relax. Il pacchetto prevede una romantica cena a lume di candela e un bagno nell’incantevole vasca di legno all’aperto, dove, sorseggiando un bicchiere di spumante, si ammira il paesaggio alpino. Leggi il resto di questo articolo »

Print Friendly

La crescita della Tunisia

oasi-770x468Destinazione di prima scelta per gli italiani

Anche quest’anno l’Ente Nazionale Tunisino per il Turismo in Italia sar‡ presente alla BIT (Borsa Internazionale del Turismo) che si terr‡ a Milano dal 10 al 12 febbraio 2019. L’occasione si rivela essere molto importante per portare l’attenzione del mondo del turismo sui risultati raggiunti dalla Tunisia durante il 2018. Inoltre le previsioni per il 2019, vedono la Tunisia posizionarsi come destinazione di prima scelta, recuperando il suo posto di destinazione attrattiva e imperdibile nel bacino del Mediterraneo.

La presenza in BIT del Ministro del Turismo e dell’Artigianato, RenÈ Trabelsi, Ë un chiaro segnale dell’importanza che il paese d‡ al mercato italiano nonchÈ l’impegno del paese nel voler saldare ulteriormente i rapporti preesistenti e stringerne di nuovi con gli operatori del settore. Leggi il resto di questo articolo »

Print Friendly

Le Soste di Ulisse alla 74^ edizione del Mandorlo in Fiore di Agrigento

unnamedPromozione delle eccellenze siciliane e workshop per i bambini. Queste le attività dell’Associazione Le Soste di Ulisse alla 74^ edizione del Mandorlo in Fiore di Agrigento.
Il tema del “NO spreco” al centro del workshop educativo dell’Associazione Le Soste di Ulisse “La cucina degli avanzi – piccoli chef per grandi piatti” con gli chef Pino Cuttaia, Giuseppe Costa, Gaetano Basiricò e Damiano Ferraro, in programma l’8 marzo al Palacongressi di Agrigento. Intanto i ristoranti e le strutture ricettive degli associati nel Val di Mazara promuovono le eccellenze siciliane con menu e iniziative a tema con l’evento del Mandorlo in Fiore (1-10 marzo 2019).
Palermo 24 gennaio 2019 – Le iniziative de Le Soste di Ulisse per promuovere il territorio e le eccellenze siciliane saranno protagoniste alla 74^ edizione del Mandorlo in Fiore (1-10 marzo 2019) grazie a una partnership con il Parco Archeologico e Paesaggistico della Valle dei Templi, storica manifestazione che anima la città di Agrigento e la Valle dei Templi attraverso il Mandorlo in Fiore, dedicato ai patrimoni immateriali Unesco. Leggi il resto di questo articolo »

Print Friendly

Chagall. Sogno d’amore

05_Les amoreaux a l ane bleu_bassaBasilica della Pietrasanta – Lapis Museum di Napoli
dal 15 Febbraio al 30 Giugno 2019

Dal 15 Febbraio, nella straordinaria cornice della la Basilica della Pietrasanta – Lapis Museum di Napoli, verrà ospitata una mostra dedicata al grande artista russo Marc Chagall (1887-1985).
La mostra racconta la vita, l’opera e il sentimento di Chagall per la sua sempre amatissima moglie Bella, attraverso l’esposizione di 150 opere tra dipinti, disegni, acquerelli e incisioni. Un nucleo di opere rare e straordinarie, provenienti da collezioni private e quindi di difficile accesso per il grande pubblico.
Curata da Dolores Duràn Ucar, la mostra racconta il mondo intriso di stupore e meraviglia dell’artista. Nelle opere coesistono ricordi d’infanzia, fiabe, poesia, religione e guerra, un universo di sogni dai colori vivaci, di sfumature intense che danno vita a paesaggi popolati da personaggi, reali o immaginari, che si affollano nella fantasia dell’artista.
Opere che riproducono un immaginario onirico in cui è difficile discernere il confine tra realtà e sogno. Leggi il resto di questo articolo »

Print Friendly

FIORInellaROCCA. Mostra mercato di piante rare

2 Fiori nella Rocca a LonatoDal 12 al 14 aprile 2019 alla Rocca Visconteo-Veneta di Lonato del Garda

Giunge alla dodicesima edizione

Fra gli eventi collaterali, una raffinata Mostra di abiti da sposa creati da Lucia Zanotti (nota stilista che ha vestito anche la dinastia Kennedy) lezioni di composizione floreale, corsi di potatura

Il fascino di piante e fiori rari unito a quello di storia ed arte: questa la fortunata formula alla base di Fiori nella Rocca, raffinata rassegna di giardinaggio che sarà ospitata dal 12 al 14 aprile nell’imponente cornice della quattrocentesca Rocca di Lonato del Garda (Brescia), Monumento nazionale dal 1912, dalle cui mura si gode di un’incantevole vista sul bacino del Benaco. Cresciuta esponenzialmente nel tempo, e giunta alla sua dodicesima edizione, la rassegna è ormai annoverata fra le principali manifestazioni del settore in Italia ed è fra le prime ad aprire anche quest’anno la stagione primaverile. Leggi il resto di questo articolo »

Print Friendly

OTTOCENTO
 L’arte dell’Italia tra Hayez e Segantini

OTTOCENTO-INVForlì, Musei San Domenico 8 febbraio 16 giugno 2019
mercoledì 16 gennaio 2019, ore 11.30 
Milano, Gallerie d’Italia-Piazza Scala, Salone Mattioli
Mostra a cura di: Fernando Mazzocca e Francesco Leone
Antonio Paolucci, Fernando Mazzocca, Francesco Leone e Gianfranco Brunelli annunciano Ottocento. L’arte dell’Italia tra Hayez e Segantini, dal 9 febbraio al 16 giugno 2019, naturalmente presso i Musei San Domenico di Forlì.
“Una mostra – evidenzia il coordinatore, Gianfranco Brunelli – che vuole mettere un punto fermo sull’Ottocento italiano, dopo le centinaia di retrospettive che hanno indagato questo o quell’autore, questo o quell’aspetto, declinazione o sfaccettatura di quell’importante secolo”. 
Più puntualmente, la scelta curatoriale (Fernando Mazzocca e Francesco Leone) ha voluto focalizzarsi sui sessant’anni fatidici che intecorrono tra l’Unità d’Italia e lo scoppio della Grande Guerra. 
“Si passa – dicono i curatori – dall’ultima fase del Romanticismo e del Purismo al Realismo, dall’Eclettismo storicista al Simbolismo, dal Neorinascimento al Divisionismo presentando i capolavori, molti dei quali ancora da riscoprire, dei protagonisti di quei tormentati decenni”. Leggi il resto di questo articolo »

Print Friendly

Un San Valentino speciale

unnamed-1Un nido di legno immerso nella neve, per raggiungere il quale serve camminare più di un’ora con le ciaspole. Ogni passo è un tuffo nella natura, in un itinerario che si snoda  tra boschi centenari d abeti rossi e cirmoli. La splendida camminata anticipa la magia di questo luogo. Una lenta passeggiata durante la quale si assapora l’intimità della montagna, la purezza della natura e l’autenticità della baita che appartiene all’hotel Tyrol, lo storico hotel di Selva, in Val Gardena.

 La baita Juac è affacciata su un panorama invernale fiabesco, con vista sulle Dolomiti: il Sassolungo, il Sassopiatto e lo Sciliar dominano con le loro intriganti forme lo sfondo di questo paesaggio che sembra una cartolina. Un rifugio solo per due, in quota. Un’esperienza unica, solo per San Valentino, in un luogo fuori dal mondo, immerso nella neve, dove si sono fermate le lancette dell’orologio. All’interno, il fuoco acceso nella stufa accoglie l’ospite in una accogliente e piccola stube; l’intima camera da letto è un esclusivo nido di montagna.
Per la settimana degli innamorati, la baita (sempre aperta in estate per accogliere gli ospiti del Tyrol per deliziose merende pomeridiane) apre le sue porte anche d’inverno, ospitando le coppie che vogliono vivere un’esperienza fuori dal comune, circondati da boschi incantanti, abbracciati da un’atmosfera da favola. 
La cena romantica è naturalmente a lume di candela, curata appositamente dallo chef Alessandro Martellini, che prepara per l’occasione esclusivamente piatti tradizionali come ci si aspetta di gustare in una baita tipica alto atesina: tirtelen con crauti al cumino e mele della val Venosta; canederlo pressato al formaggio grigio di malga Vallin su insalata di cavolo cappuccio; salmerino della Val Passiria con patate schiacciate e chips di Schüttelbrot; kaiserschmarren con pinoli, cannella, uvetta e salsa ai mirtilli. Leggi il resto di questo articolo »

Print Friendly