Sfoglia l’ultimo numero

sfoglia l'ultimo numero online della rivista Mete d'Italia o del mondo cliccando qui

Sfoglia l'ultimo numero online!

Gli arretrati

sfoglia o richiedi gli arretrati di Mete Magazine

Sfoglia o richiedi gli arretrati

Archivi

Estero

African Ivory Route: il turismo che salva la natura

SAMSUNG CAMERA PICTURES

Tra danze, antichi rituali e batìk, due itinerari sostenibili portano i turisti tra le meraviglie della natura, in un angolo selvaggio di Sudafrica. Qui, grazie all’impegno della Ong italiana Cesvi, le comunità locali custodiscono le risorse del loro territorio per offrirle ai viaggiatori. L’itinerario giusto per chi cerca la vera anima dell’Africa.

La “African Ivory Route”, in Sudafrica, è una terra selvaggia al confine tra Botswana, Zimbabwe e il Parco Nazionale Kruger. Costellata di ricchezze naturali e siti archeologici di pregio che si offrono allo sguardo dei viaggiatori in tutta la loro bellezza, è conosciuta per essere il luogo dove gli elefanti possono incrociare il tuo percorso in ogni momento e dove gli alberi di baobab fanno da sentinelle a mistici ed esotici paesaggi tutti da scoprire. Il cuore della African Ivory Route si trova nel Limpopo, una provincia al confine con Zimbabwe e Mozambico. Leggi il resto di questo articolo »

Print Friendly

Oggi Sposi in Centroamerica

UNITA_SPOSI_CENTROAMERICA_2Ormai è un dato assodato: anche i viaggi di nozze hanno subito radicali cambiamenti. Un po’ perché al giorno d’oggi le coppie hanno già viaggiato parecchio prima di giungere al fatidico sì, che arriva sempre più spesso in età matura. Un po’ perché non optano più per il classico viaggio di nozze tutto spiaggia e relax, ma desiderano vedere più luoghi contemporaneamente e anche dedicarsi al benessere, inteso sia come attività sportive e sane, sia come cura della persona.

E c’è anche una crescita dei matrimoni celebrati all’estero, già nel luogo dove poi si svolge la luna di miele. Sembrerà strano ma i vantaggi possono essere tanti, anche economici. Innanzitutto è riservato a pochi intimi, parenti strettissimi e amici e questo rende il tutto più rilassante, senza dover pensare a dove sedere a tavola la zia novantenne, per esempio. Diventa anche più economico perché si tratta di investire in un viaggio per poche persone e a fin dei conti la cifra per una decina di persone è spesso più conveniente che organizzare un matrimonio tradizionale. E poi dà subito il gusto della vacanza … non è cosa da poco.

Certo il viaggio di nozze è molto personale e la scelta è davvero soggettiva, ma le ultime tendenze parlano chiaro: mete lontane dove è possibile abbinare cultura, sport, avventura e mare.  Leggi il resto di questo articolo »

Print Friendly

A caccia dell’aurora boreale

8428fef4a9c0dda2_orgOsservare dal vivo il fenomeno dell’aurora boreale è un sogno per milioni di persone. Uno dei luoghi migliori al mondo in assoluto per farlo è Abisko nell’omonimo parco nazionale, vicino al confine norvegese, dove la possibilità di vedere un’aurora boreale è pari ad almeno 200 giorni l’anno. Le condizioni climatiche sono qui ideali essendo Abisko il luogo con l’aria più secca del Paese e praticamente privo di inquinamento atmosferico e luminoso. In una seggiovia aperta si raggiunge l’osservatorio Aurora Sky Station che si trova a 900 metri di altezza in cima al monte Nuolja. Aspettando che l’aurora faccia la sua comparsa, dentro l’osservatorio ci si può intrattenere con una bevanda calda ascoltando spiegazioni  e racconti sul fenomeno da un esperto del luogo. Oppure, per fare serata completa, si può salire in anticipo e cenare a base di piatti locali. L’Aurora Sky station è aperto fino alla fine di marzo. Il Mountain station Abisko Turiststation (camere d’albergo, ostello e chalet) organizza molteplici attività outdoor e corsi per fotografare l’aurora boreale. Leggi il resto di questo articolo »

Print Friendly

Un itinerario artistico – letterario alla scoperta dell’arcipelago di Stoccolma  

image006Davanti alle porte della capitale svedese si trova uno stupendo arcipelago composto di  30.000 isole e isolette, da  Arholma nel nord a Landsort 150 km più a sud. Ognuna delle isole ha il suo carattere particolare in un paesaggio dove la natura selvaggia prende la forma di isole boscose , scogliere rocciose e spiagge sabbiose.  I villaggi delle isole si animano di vita, turisti ed eventi durante la stagione estiva, mentre durante il resto dell’anno sono oasi di pace e tranquillità.

Sono molti gli artisti e gli scrittori che hanno tratto ispirazione da questo poetico mondo insulare. Insieme con la casa editrice Iperborea, specializzata nella letteratura nordica, abbiamo creato un itinerario artistico-letterario alla scoperta delle isole dell’arcipelago di Stoccolma: Leggi il resto di questo articolo »

Print Friendly

PORQUEROLLES: benvenuti in Paradiso !

DSC09728di Samantha Marcelli – Hiéres, una delle mete più chic del turismo haut de gamme, tiene in serbo, a pochi minuti di barca dalle sue coste, un piccolo arcipelago di isole di sogno che consentono un tuffo ritemprante nella natura. 

Situata in una posizione privilegiata tra Marsiglia e Saint – Tropez, baciata da 300 giorni di sole l’anno, la città di Hyères è a due passi dai paradisi incontaminati delle Isole d’Oro di Porquerolles, Port-Cros e Le Levant, immerse in acque color turchese da far invidia ai Caraibi. 2400 anni di storia e di arte da scoprire passeggiando tra le stradine della città medievale, i resti del Castello militare dell’XI sec. e i famosi “giardini notevoli”profumati di fiori e piante esotiche,soprattutto palme, che sono diventate il simbolo della città detta Hyères-les-Palmiers. Leggi il resto di questo articolo »

Print Friendly

Sudafrica: alla scoperta della storia dell’uomo

vacanza-sudafrica-580x226Un viaggio tra i più importanti siti storici della Nazione Arcobaleno.

Il Sudafrica regala splendidi paesaggi, emozionanti incontri con gli animali della savana, una vivace vita notturna e un’esperienza culinaria unica al mondo, ma a volte ci si dimentica che è anche un paese ricco di storia. Sparsi per tutto il territorio infatti ci sono numerosi siti storici e culturali che raccontano le origini della nostra specie, le colonizzazioni, la corsa all’oro e ai diamanti e la lotta contro l’apartheid.

Fare un viaggio in Sudafrica significa attraversare i confini del tempo e confrontarsi con la storia dell’intera umanità. È di poche settimane fa la notizia della scoperta di uno sconosciuto antenato dell’uomo, ribattezzato Homo Naledi e vissuto all’incirca 3 milioni di anni fa. Il ritrovamento è avvenuto nella grotta di Rising Star, a nord ovest di Johannesburg, in un’area nota con il nome di Culla dell’Umanità, grazie all’elevato numero di ritrovamenti di fossili dei nostri antenati. In questa piccola grotta è venuta alla luce una straordinaria quantità di resti fossili, la cui classificazione e ricomposizione ha permesso di stabilire che appartenevano a una specie di ominide fino ad ora sconosciuta.

Il 40% delle scoperte mondiali di antichi resti umani è avvenuto proprio in quest’area: tra i siti più importanti della zona ci sono le grotte di Sterkfontein, situate 60 metri sotto terra. Leggi il resto di questo articolo »

Print Friendly

La Strada dei Vini e del Benessere

N. minimo partecipanti: 6 persone – 5 giorni / 4 notti

FOTO 8 VINO E BENESSEREIn Moldavia, la strada dei vini è un itinerario da non perdere per tutti coloro che amano la natura e l’ambiente.  La viticoltura è, infatti, una delle più antiche tradizioni del Paese ed è, quindi, naturale che il grappolo d’uva sia uno dei simboli della Moldavia.  Nell’elenco dei vini moldavi si ritrovano etichette ben note in Italia come in Europa, quali Chardonnay, Pinot, Cabernet, nonché denominazioni tipicamente moldave come Purcari, Cricova, Mileştii Mici e Romanesti.  Il pacchetto prevede la possibilità di abbinare la visita a tre delle cantine moldave più famose a momenti dedicati al proprio benessere in centri specializzati in trattamenti uomo / donna. Leggi il resto di questo articolo »

Print Friendly

Ecoturismo sami in mezzo alla natura: guidare la propria renna    

image007

Oltre a sperimentare diverse attività nella natura, chi visita la Lapponia ha la straordinaria possibilità di conoscere direttamente la storia e le tradizioni del popolo Sami, il popolo indigeno di queste terre prossime al Circolo Polare. Ci sono diversi operatori turistici sami che offrono esperienze sostenibili e genuine a stretto contatto con le famiglie sami. Sedere accanto al fuoco in una delle tende  tipiche, chiamate “kåta”, e ascoltare i loro racconti, è un’esperienza che non si dimentica facilmente. Nel piccolo paesino di Jukkasjärvi, dove l’Icehotel è la maggiore attrazione nel periodo invernale, si trova Nutti Sámi Siida, una ben avviata azienda sami di ecoturismo che propone svariate attività durante l’intero arco dell’anno, molte delle quali accreditate dal marchio di qualità per gli eco-viaggi Nature’s Best.  D’inverno si può anche partecipare a due escursioni dove le renne sono protagoniste. In motoslitta e slitte si arriva al campo base dove si aiuta a dar da mangiare alle renne e poi ci si può cimentare nella guida di una renna da slitta lungo un percorso nella foresta. Leggi il resto di questo articolo »

Print Friendly

Il luogo più luminoso al mondo è Abisko

In Lapponia svedese, secondo Lonely Planet 

Aurora Skystation_Abisko_Lights Over Lapland foto Chad Blakley copia

Le Nazioni Unite hanno proclamato il 2015 come “l’anno della luce”. È per questo che Lonely Planet ha redatto una classifica mondiale dei luoghi sulla terra con le migliori esperienze di fenomeni luminosi. Al primo posto in classifica troviamo Abisko, in Lapponia svedese, che è conosciuto per essere uno dei posti migliori al mondo per osservare l’aurora boreale, dato il bassissimo inquinamento atmosferico e luminoso ed un cielo praticamente privo di nuvole. Abisko ha un suo osservatorio per l’aurora boreale, l’Aurora Sky Station in cima al monte Nuolja , raggiungibile in seggiovia. Oltre la visita, rigorosamente serale o notturna per osservare meglio questo fenomeno, è possibile anche cenare nella struttura. L’osservatorio è aperto fino alla fine di marzo.  Leggi il resto di questo articolo »

Print Friendly

I mercatini di Natale in Svizzera

sg1

Il mese di dicembre offre un motivo in più per visitare San Gallo, Zurigo e Winterthur. Sono i mercatini di Natale a colorare di magiche luci queste città già seducenti, stemperando il freddo invernale con i buoni sapori e profumi che le bancarelle emanano per le vie. Non solo manufatti artigianali da acquistare come romantico ricordo ma anche golosità gastronomiche da consumare in compagnia: si mescolano piacevolmente gli aromi di fondue e bratwurst, birra e ghulwein, un vino rosso corposo e caldo molto speziato che ha il potere di sconfiggere l’aria pungente infondendo un piacevole benessere. Dai fiabeschi mercatini di San Gallo a quello più imponente di Zurigo (che è il più grande mercato di Natale coperto d’Europa) fino a quelli di Winterthur con la sfilata di 750 Babbi Natale, ogni sosta dona la sensazione di tornare indietro nel passato. Quello di un’infanzia magica, colma di cose belle e buone.

Print Friendly