Sfoglia l’ultimo numero

sfoglia l'ultimo numero online della rivista Mete d'Italia o del mondo cliccando qui

Sfoglia l'ultimo numero online!

Gli arretrati

sfoglia o richiedi gli arretrati di Mete Magazine

Sfoglia o richiedi gli arretrati

Archivi

In cammino per Santiago

3 - In cammino per Santiago locandinaSegnaliamo il libro di Gianni Amerio “In cammino per Santiago. Storie, pensieri, incontri”, nato dopo aver percorso un anno fa il cammino Francese da Saint Jean Pied de Port sui Pirenei francesi, e presentato ufficialmente questo mese con l’aiuto di don Ermis Segatti e Gianpiero Leo presso il Consiglio Regionale del Piemonte.

Il libro è nato quasi per forza propria, partendo da appunti di viaggio scritti durante il mese di pellegrinaggio per pura volontà di ricordo personale. Poi pian piano le note hanno preso corpo in questo libro di 240 pagine, contenente anche 48 foto in bianco e nero e un inserto di 16 facciate con foto a colori, pubblicato dalle Edizioni l’Età dell’Acquario nel mese di agosto 2015 (ISBN 978871365985 – www.incamminopersantiago.it – facebook.com/incamminopersantiago).

Come fa intendere il titolo, il libro è essenzialmente un racconto fedele del viaggio, dove la descrizione dell’itinerario, delle persone conosciute e dei luoghi visitati lascia a tratti spazio a riflessioni e sensazioni personali, non disgiunte da una certa dose di sana autoironia. Queste ultime, infatti, non vogliono apparire pedanti o moralistiche, ma prendere per mano il lettore in quello che, come scrivo nel racconto, “non rappresenta solo un viaggio in senso orizzontale, ma anche verticale, nel mio inferno e nel mio paradiso, nel buio e nella luce, nel pianto e nel riso, un viaggio che a volte mi terrorizza e a volte mi porta in estasi. Un Cammino dove neanche Virgilio può accompagnarmi”.

Sono un medico oculista che svolge la propria attività nella cintura di Torino, avendo alle spalle diverse pubblicazioni di articoli e studi a carattere scientifico. Mi sono buttato in questa “impresa letteraria”, per me nuova, spinto anche da una necessità, per certi versi irrazionale (…ma quante irrazionalità ho sperimentato sul cammino!), di comunicare ad altri la mia esperienza, vissuta con intensità, convinto, forse con una certa presunzione, che non solo i ‘grandi’ scrittori abbiano a volte qualcosa da comunicare.

Print Friendly