Gli arretrati
sfoglia o richiedi gli arretrati di Mete Magazine
Archivi

Enti Nazionali del Turismo

Con “SENTIERI DI ANTHORA” il trekking che non ti aspetti

Oltre 2.000 km e 300 sentieri attrezzati nel biellese tra escursioni in famiglia e percorsi per esperti, come la Grande Traversata delle Alpi. Il GAL promuove il turismo a piedi, ideale in primavera e raccomandato in estate.

4GAL_MontagneBiellesi_RifugioUn’attività pulsante del biellese è lo sport, al fianco dell’aspetto industriale per cui il territorio è conosciuto in tutto il mondo, la provincia di Biella vanta un ambiente vasto ed incontaminato, ed ecco perché si propone come luogo ideale per gli appassionati degli sport all’aria aperta, in particolare per il trekking.  Per chi volesse praticare questa attività in provincia di Biella è a vostra disposizione l’esperienza e la creatività di Ermanno Pizzoglio (cell. 3488568589; email: info@anthora.it.) che con la moglie gestisce Sentieri di Anthora, in stretta collaborazione con il GAL Montagne Biellesi. Con una rete escursionistica di oltre 2.000 km, e circa 300 sentieri attrezzati, il biellese è il paradiso del trekking, dove è possibile vivere percorsi adatti sia ai più esperti escursionisti, sia a chi è solo alla ricerca di una passeggiata all’aria aperta in mezzo alle colline. Per i meno esperti, le mete più conosciute sono sicuramente il Santuario di Oropa (il suo Sacro Monte è Patrimonio Unesco) dove si può visitare uno splendido giardino botanico, ed il medioevale Ricetto di Candelo, accerchiato da un territorio di colline ricche di boschi, castelli e piccoli borghi arroccati. Unica nel suo genere, è la Panoramica Zegna, dalla quale partono numerosi itinerari adatti per escursioni di vario livello, dalle poche centinaia di metri, per aumentare, fino ai circa 20 km dei percorsi più lunghi.  Continua a leggere

Print Friendly, PDF & Email

Il 13 giugno La Notte Celeste colora la Via Emilia

Le Winx fra i 100 eventi della festa delle Terme

reportageIl 13 giugno ritorna La Notte Celeste in Emilia Romagna – I 26 centri termali lungo la via Emilia, in 19 località rimarranno aperti fino a tardi per la più grande Festa delle Terme in Italia – Oltre 100 gli eventi in programma fuori e dentro i centri termali e andranno avanti fino a domenica – La novità 2015  è l’arrivo delle fatine Winx – Con le loro ali magiche le fate del Winx Club porteranno una ventata di magia alla Notte Celeste e tutte le bambine potranno avvicinarle per un saluto o per una foto – La Notte Celeste è collegata quest’anno all’iniziativa di solidarietà “30 Ore per la vita” e alla testimonial Lorella Cuccarini – L’iniziativa è organizzata dall’Unione di Prodotto Terme, Salute e Benessere in collaborazione con Apt Servizi e Coter. Per chi vuole vivere tutta la festa delle Terme dell’Emilia Romagna ci sono tante offerte sul sito http://www.lanotteceleste.it  

Ci saranno le fatine Winx, con le loro ali magiche, a dare un tocco di magia a La Notte Celeste 2015, la grande festa delle Terme dell’Emilia Romagna in programma da venerdì 12 a domenica 14 giugno. Per un weekend i 26 centri termali che sorgono in 19 località della Via Emilia, rimarranno aperti fino a tardi e offriranno intrattenimenti, dimostrazioni, trattamenti termali a tariffe speciali, tour guidati. Continua a leggere

Print Friendly, PDF & Email

Il 2 giugno in Emilia Romagna è la Giornata Verde

Trekking, birdwatching, uscite in bici e in barca

SENTIERO GNOMIMartedì 2 giugno tutta l’Emilia Romagna festeggia la Giornata Verde – Da Piacenza a Rimini, le province, i grandi parchi nazionali, le aree protette e numerosi enti, pubblici e privati, offrono un programma di oltre 80 tra eventi e proposte turistiche – Parola d’ordine: vivere una giornata nella natura a ritmo slow – Trekking, escursioni sul Po, uscite in bici e in barca, birdwatching, degustazioni, musica in luoghi incantati, appuntamenti nei Castelli, benessere e tutto ciò che riguarda il turismo slow – Per chi vuole fermarsi a dormire ci sono tante offerte per il week end – Tutto organizzato dall’Unione di prodotto Appennino e Verde – Programma su www.appenninoeverde.it

Oltre 80 tra eventi e proposte turistiche in cartellone, 9 province coinvolte, 2 parchi nazionali, alcune oasi protette e numerosi enti pubblici e privati: sono i numeri della Giornata Verde Emilia Romagna 2015 in programma martedì 2 giugno. Un appuntamento dai grandi numeri per la vastità del territorio in cui si svolgerà: in contemporanea su tutto l’Appennino dell’Emilia Romagna e in tutti i grandi parchi protetti che impreziosiscono il territorio da Piacenza a Rimini. Continua a leggere

Print Friendly, PDF & Email

19a Borsa delle 100 Città d’Arte

Tour operator dal mondo per la cultura e i sapori italiani

workshop FOTO 2 NEWSTorna a Bologna per la sua 19a edizione la Borsa delle 100 Città d’Arte, ospitata dal 29 al 31 maggio prossimi al Palazzo dell’Archiginnasio – Presenti oltre 100 tour operator da 36 Paesi, che incontreranno 400 seller nel workshop di sabato 30 maggio – Enogastronomia protagonista con degustazioni, show cooking e incontri – Ottima performance nel 2014 delle Città d’Arte dell’Emilia Romagna: +3% negli arrivi (complessivamente 2,485 milioni) e nelle presenze (per un totale di 5,020 milioni), un incremento del +9,7% nei visitatori dei musei (637.649 ingressi complessivi) –  A Bologna sempre più turisti stranieri (oltre 1 milione e 50 mila pernottamenti pari, al 48,2% delle presenze comunali. Ci saranno anche le cinque “Regine italiane dell’Arte e della Cultura 2015” ad animare la giornata inaugurale della 19a edizione della Borsa delle 100 Città d’Arte, che si terrà dal 29 al 31 maggio prossimi nella suggestiva cornice del Palazzo dell’Archiginnasio di Bologna (www.100cities.it). Sono Ravenna, Cagliari, Lecce, Perugia e Siena, ovvero le candidate finaliste al titolo di “Capitale Europea della Cultura 2019” -vinto da Matera- che quest’anno metteranno in campo tante iniziative, frutto del lavoro già svolto per la candidatura, presentate venerdì 29 nel Cubiculum Artistarum del Palazzo dell’Archiginnasio. Continua a leggere

Print Friendly, PDF & Email

Per esplorare la Forra del Cellina

Nelle Dolomiti Friulane con un trenino turistico alla scoperta di uno dei più spettacolari canyon d’Italia

DolomitiFr_Trenino della ValcellinaComodamente seduti sui sedili di un piccolo trenino turistico rosso fuoco, addentrarsi fra le rocce a strapiombo di uno dei più spettacolari canyon italiani, la Forra del Cellina, perla delle Dolomiti Friulane: dal 30 maggio a ottobre riprendono le corse del Trenino della Valcellina che dal lago di Barcis seguirà il percorso della vecchia strada (ora chiusa al traffico) che portava a valle. Scavata nella roccia in milioni di anni dal torrente Cellina, che scorre azzurro e limpidissimo, la forra è un susseguirsi di scorci spettacolari e di fantastici fenomeni di erosione, che vengono descritti man mano si procede. Un’area di grande interesse naturalistico e paesaggistico, tutelata come Riserva naturale dal Parco Naturale delle Dolomiti Friulane. Modello Dotto Trains (realizzato a Castelfranco Veneto), il trenino è stato acquistato dalla Comunità Montana. Il capolinea è a Ponte Antoi a Barcis. Quattro le corse di mattina e quattro di pomeriggio con un percorso più lungo che tocca anche il caratteristico borgo di Andreis. Il costo varia da 3 € a 6.50 € a seconda del percorso. Il servizio (realizzato da Friulviaggi www.friulviaggi.it) funzionerà dal 30 maggio al 19 luglio e dal 31 agosto al 4 ottobre nei giorni festivi e prefestivi; dal 20 luglio al 30 agosto tutti i giorni.

Per informazioni: Dolomiti Friulane – tel. 0427 71775 – info@dolomitifriulane.comwww.dolomitifriulane.com

 

Print Friendly, PDF & Email
Sfoglia o richiedi gli arretrati
sfoglia o richiedi gli arretrati di Mete Magazine
Archivi