Gli arretrati
sfoglia o richiedi gli arretrati di Mete Magazine
Archivi

in evidenza

Mazia, in Val Venosta,è il primo”Villaggio degli Alpinisti” italiano

Suedtirol, Vinschgau, Matscher Tal, zirka 2 km östlich vom Dorf Matsch, Wegkreuz auf Hügel mit Ortlerblick,

Il 23 luglio gli abitanti del paesino altoatesino riceveranno il certificato, che li vede promotori di un nuovo concetto di turismo sostenibile ed ecologico insieme ad altri partner in Austria, Germania e Slovenia.

Il grazioso paesino di Mazia, frazione di Malles, sito alle pendici della Cima Palla Bianca in Val Venosta partecipa al progetto transfrontaliero “Villaggio degli Alpinisti” promosso dal club alpino austriaco OAV in collaborazione con la Convenzione delle Alpi, Il Ministero dell’Ambiente austriaco e il Fondo per lo sviluppo regionale. L’iniziativa è nata 10 anni fa con l’intento di preservare le aree autentiche montane delle Alpi da un turismo di massa sempre più invasivo, sostenendo i paesaggi e le realtà autentiche del territorio e incentivando un turismo ecologico e sostenibile. All’Austria si sono unite anche la Germania, la Slovenia e l’Italia con l’intento di creare una rete di 26 località montane interconnesse che comprendono paesi, regioni e culture differenti. L’Alto Adige, realtà famosa per la ricchezza culturale e paesaggistica è la prima realtà nazionale che si unisce a questo progetto e il paese di Mazia è simbolo di questa collaborazione. Continua a leggere

Print Friendly, PDF & Email

Illuminazione artistica per “Cataste&Canzei”

Temp che pasa. tradizion che restaL’inconsueto museo en plein air di Mezzano di Primiero visitabile anche di notte

Tre le nuove cataste di legna d’autore

Sarà il fascino della notte ad amplificare, da quest’estate, la suggestione delle monumentali installazioni artistiche di “Cataste&Canzei”, l’inconsueto museo en plein air di Mezzano di Primiero, dove anche le cataste di legna sono d’autore. La straordinaria rassegna (unica nel suo genere a livello internazionale), che impreziosisce angoli, piazze e vicoli del borgo trentino, sarà infatti illuminata e saranno organizzate visite guidate anche di notte. Luci sapienti metteranno in risalto il volto in lacrime, la navetta del telaio (in paese si nasconde una raffinata tessitura di trame antiche), la grande pannocchia proprio sopra il pollaio, il paesaggio di legnetti che pare un intarsio, la rappresentazione di una canzone popolare, i fiori giganteschi, la grande fisarmonica e gran parte delle 32 cataste, che acquisteranno una nuova e coinvolgente seduzione, amplificata dal silenzio notturno. Saranno organizzate visite guidate notturne, che si andranno ad affiancare a quelle diurne. Un ulteriore pretesto, quindi, per visitare – o tornare a visitare – Mezzano, che ha fatto del ritorno alla natura e alle radici la propria mission, non solo con scelte consapevoli e responsabili, ma anche con l’appassionata realizzazione di altri 5 itinerari che si affiancano a “Cataste&Canzei”: intitolati “Segni sparsi del rurale”, sono dedicati all’acqua, agli orti, alle architetture, ai dipinti murali e alle antiche iscrizioni. Per non dimenticare i saperi del passato e condividerli con i visitatori. Continua a leggere

Print Friendly, PDF & Email

Ötztal: la Repubblica dei bambini  

DownloadedFileBambini annoiati e genitori esausti? A pochi passi dall’Italia c’è una valle intera con attrattive davvero uniche e speciali per le famiglie. La soluzione è di quelle efficaci: una vacanza nella vallata tirolese Ötztal garantisce divertimento e relax, tra parchi avventura, malghe incontaminate e programmi fatti su misura.

Non a tutti piace viaggiare volentieri da soli, come faceva la mummia Ötzi, ritrovata sopra l’abitato di Soelden sul confine italiano. In Ötztal ci sono grandi proposte per ognuno: escursionisti, scalatori, biker e buongustai. Ma la vallata e tutti i suoi paesi, partendo da Oetz e arrivando a Vent, offrono molte attrazioni dedicate alle famiglie con bambini. Bambini vispi e ragazzi adolescenti, genitori in cerca di relax e nonni intraprendenti: tutti troveranno qualcosa che fa per loro affinché la vacanza rimanga un bel ricordo.  Continua a leggere

Print Friendly, PDF & Email

Il piano di tutela della tenuta medicea di Cafaggiolo patrimonio UNESCO

15.c Vista 01 progettodi Martina Vacca- Un investimento di oltre 170 milioni di euro, con un impatto occupazionale di 2.780 nuovi posti di lavoro generati dall’investimento, dall’attività a regime e dall’indotto. Un valore aggiunto per tutta la Toscana, ma soprattutto per il Mugello, pari a 165 milioni di euro. Si delinea così il futuro della Tenuta Medicea di Cafaggiolo, situata nei comuni di Barberino di Mugello e Scarperia e San Piero, nelle vicinanze di Firenze: una storica residenza della famiglia de’ Medici di 385 ettari di terreno e 14 unità poderali diventata patrimonio UNESCO nel 2013.

Il progetto imprenditoriale nasce da un’idea della famiglia Lowenstein, già impegnata nel piano di recupero della Caserma Vittorio Veneto nel centro di Firenze e titolare della Lionstone, impresa specializzata nel settore immobiliare dell’ospitalità e residenziale, e prevede un imponente piano di riqualificazione e valorizzazione la cui realizzazione è stimata in 24-30 mesi dall’inizio dei lavori, con un forte impatto economico, occupazionale e sociale su tutto il territorio. Continua a leggere

Print Friendly, PDF & Email

“Il sale della vita” si gusta a Cervia

salina camillone.3Alla scoperta di tradizioni, sport ed enogastronomia

Città caratterizzata dal forte spirito dinamico e dall’autentica solarità romagnola, Cervia regala al turista il piacere di una vacanza mai scontata, che unisce tutto l’anno divertimento, sport, relax e buona tavola in un territorio unico nel suo genere per panorami e tradizioni.

La posizione stessa di Cervia sembra studiata appositamente per poter godere di quanto di meglio questo scorcio di Romagna può offrire: da una parte il mare, dall’altra natura, storia e una cucina rinomata in tutto il mondo. Da sempre amata per le sue spiagge, Cervia racconta un’affascinante, e forse non ancora abbastanza conosciuta, storia salinara, un racconto intimamente legato al mare, che qui vive nel cuore delle persone e che nel tempo ha plasmato e modulato la vita della città. Continua a leggere

Print Friendly, PDF & Email
Sfoglia o richiedi gli arretrati
sfoglia o richiedi gli arretrati di Mete Magazine
Archivi