Gli arretrati
sfoglia o richiedi gli arretrati di Mete Magazine
Archivi

A caccia dell’aurora boreale

8428fef4a9c0dda2_orgOsservare dal vivo il fenomeno dell’aurora boreale è un sogno per milioni di persone. Uno dei luoghi migliori al mondo in assoluto per farlo è Abisko nell’omonimo parco nazionale, vicino al confine norvegese, dove la possibilità di vedere un’aurora boreale è pari ad almeno 200 giorni l’anno. Le condizioni climatiche sono qui ideali essendo Abisko il luogo con l’aria più secca del Paese e praticamente privo di inquinamento atmosferico e luminoso. In una seggiovia aperta si raggiunge l’osservatorio Aurora Sky Station che si trova a 900 metri di altezza in cima al monte Nuolja. Aspettando che l’aurora faccia la sua comparsa, dentro l’osservatorio ci si può intrattenere con una bevanda calda ascoltando spiegazioni  e racconti sul fenomeno da un esperto del luogo. Oppure, per fare serata completa, si può salire in anticipo e cenare a base di piatti locali. L’Aurora Sky station è aperto fino alla fine di marzo. Il Mountain station Abisko Turiststation (camere d’albergo, ostello e chalet) organizza molteplici attività outdoor e corsi per fotografare l’aurora boreale. Chi non volesse salire all’Aurora Sky station può partecipare a un tour a piedi attraverso il parco nazionale in cerca dell’aurora. Anche ICEHOTEL organizza delle escursioni a caccia dell’aurora boreale– in motoslitta o a piedi.

Per arrivare ad Abisko si vola a Kiruna via Stoccolma -con la SAS o la compagnia low cost Norwegian- e da lì si continua in treno oppure noleggiando un’auto per 100 km direzione ovest.

ICEHOTEL 365: UN’ESPERIENZA GLACIALE, SOSTENIBILE, TUTTO L’ANNO

L’Icehotel 365 è ora operativo e offre un’esperienza glaciale tutto l’anno, dispone di venti suite, un ice bar e una ice gallery, realizzati interamente con neve e ghiaccio da oltre quaranta artisti, designer e architetti provenienti da nove paesi diversi. L’ICEHOTEL 365 costituirà per i turisti la tanto attesa alternativa al classico ICEHOTEL invernale che si scioglie ogni anno in aprile. Sarà perciò possibile unire l’esperienza nel ghiaccio ad una gita in barca sul fiume, illuminati dal sole di mezzanotte.

Per anni, la società ideatrice ha accarezzato l’idea di creare un’esperienza permanente, nel ghiaccio, ma finora non aveva individuato alcuna soluzione tecnica sostenibile ed eco-friendly. Muri, pavimenti e soffitti sono coperti di ghiaccio e neve e, nel nuovo edificio, la temperatura viene mantenuta tutto l’anno a -5°C. Questo è possibile grazie a pannelli solari che, anche nei mesi estivi, forniscono l’energia necessaria per alimentare l’impianto di refrigerazione. Trovandosi a duecento chilometri a nord del circolo polare artico, infatti, in estate a Jukkasjärvi il sole splende per cento giorni consecutivi.

L’edificio occupa 2.100 metri quadrati; circa trentamila litri di acqua del fiume Torne sono stati trasformati in neve e diverse tonnellate di ghiaccio sono state prelevate dallo stesso fiume per ricavare entrambe le parti dell’Icehotel. L’hotel propone due tipologie di suite: le Deluxe Suite e le Art Suite. Ognuna è caratterizzata da un proprio design artistico distintivo, ma le suite Deluxe sono dotate anche di un’area relax riscaldata privata, adiacente alla “cold room”, con sauna, doccia o vasca, e tutti i comfort necessari.

Il 27 dicembre verranno completati i lavori dell’ICEHOTEL sulla riva del fiume. Gli ospiti avranno a disposizione e potranno godersi un totale di cinquantacinque stanze, una cappella di ghiaccio, l’ice gallery e l’ice bar.

L’ICEHOTEL si trova nel villaggio di Jukkasjärvi, vicino a Kiruna, duecento chilometri a nord del circolo polare artico, ed è il primo e il più grande hotel di ghiaccio al mondo.

Print Friendly, PDF & Email
Sfoglia o richiedi gli arretrati
sfoglia o richiedi gli arretrati di Mete Magazine
Archivi