Gli arretrati
sfoglia o richiedi gli arretrati di Mete Magazine
Archivi

Val D’Ega, divertimento e adrenalina con l’e-bike

IMG_0139La bicicletta a pedalata assistita piace. Anche in Val d’Ega, nel cuore delle Dolomiti, Patrimonio Mondiale Unesco, l’e-bike sta vivendo un vero e proprio boom. «Quest’anno le bici elettriche hanno preso piede – spiega Ivan Riegler dello Ski Rent Eggental di Nova Ponente – abbiamo avuto il triplo dei clienti rispetto all’anno scorso».

Pedalare lungo sentieri e stretti passaggi che si aprono tra prati verdi e boschi lussureggianti immersi nello splendido scenario delle Dolomiti tra il Catinaccio e il Latemar o scendere in bici lungo le piste da sci respirando l’aria frizzante di montagna: l’e-bike permette a chiunque di affrontare gli itinerari più impegnativi, anche quelli che fino a poco tempo fa erano esclusivo appannaggio dei ciclisti più preparati. Insomma divertimento e adrenalina sono assicurati. L’e-bike poi è eco-friendly: è silenziosa e non emette sostanze nocive. Si usa regolando la potenza del motorino elettrico sul display posizionato sul manubrio. Si parte da eco, poi tour, sport e infine turbo in base a quanto aiuto “elettrico” si vuole avere. Con la funzione off si esclude l’uso del motore.

Da Pasqua a inizio novembre la Val d’Ega offre tour di ogni genere per i patiti delle due ruote. L’offerta è adatta a chiunque, dalle famiglie ai cultori delle biciclette elettriche, ma si propone di scaldare il cuore soprattutto agli sportivi abituati ai dislivelli vertiginosi, capaci di apprezzare trail divertenti e impegnativi. Gli albergatori dei Bikehotels della Val d’Ega sono a loro volta biker appassionati e dispensano consigli preziosi sui percorsi più soddisfacenti.

La Bikeschool Eggental e la Dolomiti Bike School sanno che ogni ciclista ha i propri gusti. Alcuni impazziscono per un panorama tour, con o senza shuttle, altri prediligono i freeride, mentre altri ancora – specie i più piccoli – sono alla ricerca di un corso di tecnica di guida. Le due scuole bike offrono a mountain bikers, ciclisti su strada e e-bikers, i modi più adatti per andare alla scoperta delle Dolomiti, sui circuiti più intriganti della zona e delle maggiori piste di enduro fino a Bolzano. I programmi includono allenamenti tecnici, gite per bambini, corsi di guida e enduro per freerider, trailsurfer e principanti. Da non perdere, il giro del Latemar, i vari trail sotto il Catinaccio, la nuova base presso la cabinovia di Nova Levante con il suo Funny-Flow-Trail, la spettacolare Sellaronda-Hero, enduro-rides nei parchi vicini e le gite panoramiche in Val d’Ega.

Inoltre, durante l’estate, con la mountainbike card, gli appassionati di bici possono fare il famoso “Giro del Latemar” con una sola tessera e utilizzare a un prezzo vantaggioso tre impianti di risalita – Cabinovia Nova Levante, Cabinovia Predazzo e seggiovia Gardonè – in un giorno. Per chi vuole allargare il giro al Monte Lusia, è prevista una seconda card che comprende anche gli impianti Lusia.

Ma non finisce qui. Alla stazione a monte della cabinovia di Nova Levante, il Bike Trail Carezza si snoda lungo la suggestiva Val Nigra fino alla stazione a valle della cabinovia di Nova Levante. Sviluppato su una lunghezza complessiva di circa 4,4 km e con un dislivello di 500 metri il flowtrail affianca in più tratti un ruscello, attraversando boschi ombrosi e prati. Con le sue sponde e paraboliche, i ponticelli, i salti e northshores, il trail ha parecchio da offrire agli appassionati di mountainbike. Il Bike Park presso la stazione a monte della cabinovia dispone di un pumptrack e una jumpline, ma anche di vari percorsi per esercitare e migliorare le proprie abilità di guida, mettendosi alla prova tra tornantini, rockgarden, drops, curve, banked turn, scalini, balance-northshores e ostacoli per imparare i bunnyhops.

Info: www.valdega.com

Print Friendly, PDF & Email
Sfoglia o richiedi gli arretrati
sfoglia o richiedi gli arretrati di Mete Magazine
Archivi