Enolo, la scultura di Dante Ferretti, brinda all’arrivo dei turisti nelle Marche

Da stamattina “Enolo”, l’installazione-scultura realizzata dal maestro scenografo e tre volte Premio Oscar Dante Ferretti in occasione dell’Expo di Milano 2015, accoglie i turisti in arrivo all’aeroporto delle Marche di Ancona Falconara.
Dopo la mostra “Raffaello Impossibile”, l’aeroporto dorico torna ad essere contenitore d’arte: questa volta grazie all’opera dello scenografo maceratese Dante Ferretti che, insieme alla moglie e preziosissima collaboratrice Francesca Lo Schiavo, ha inaugurato l’installazione della scultura.
“Enolo”, già pensata e realizzata per Expo 2015, è una scultura in vetroresina alta 3 metri e mezzo. Fa parte di originali installazioni urbane – il Popolo del Cibo – che richiamano nelle sembianze i ritratti burleschi dell’artista milanese Arcimboldo, ispirate alle sue teste grottesche composte da prodotti ortofrutticoli, pesci, uccelli.
Il Maestro Dante Ferretti e la moglie Francesca Lo Schiavo l’hanno inaugurata nel nuovo spazio aeroportuale insieme al presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli e all’assessore al turismo Moreno Pieroni.
Terminato l’Expo 2015, gli esemplari hanno fatto il giro del mondo e ora appartengono alla collezione privata maceratese di Giancarlo Cossiri che le mette a disposizione per essere ammirate.
«Ne avevamo perso le tracce – ha confessato il maestro Dante Ferretti –, poi le abbiamo ritrovate grazie a questo mecenate che ha voluto acquistarle. Enolo può ben rappresentare anche il buon vino marchigiano e qui in questo bell’aeroporto, dopo aver fatto il giro del mondo, ci sta molto bene ad accogliere i turisti e a diventare l’ambasciatore del buon cibo della nostra e mia regione». Del resto il Premio Oscar, insieme a sua moglie Francesca Lo Schiavo, rappresentano bene l’idea di internazionalità che le Marche vogliono lanciare proprio dallo scalo regionale.
«Siamo qui oggi a testimoniare l’impegno della Regione per il Turismo e la Cultura – ha commentato il governatore Ceriscioli – proprio nel giorno in cui si apre il bando di 13 milioni e mezzo per potenziare i voli dell’aeroporto e celebrando l’arte di un grande autor, Dante Ferretti, con una statua bellissima che in qualche maniera, come allegoria del vino, racconta una delle eccellenze del nostro territorio. Un altro bel modo, dopo la mostra dedicata a Raffaello, di dare il benvenuto a chi raggiunge le Marche».
Enolo resterà all’Aeroporto Sanzio fino al 30 novembre e l’idea del progetto, intitolato “Welcome”, è dell’associazione culturale MI_ MarcheIperespressioniste e del suo direttore artistico David Miliozzi.
Enolo ha già viaggiato molto nel 2018 anche tra i Sibillini per alcune installazioni-esposizioni nei comuni colpiti dal sisma. Francesca Lo Schiavo ha espresso l’intenzione di voler lavorare insieme a suo marito a progetti per l’Italia e per le Marche, mettendo a disposizione esperienza e competenze. Tra questi progetti ci sarà anche un Museo “Dante Ferretti” a Macerata, probabilmente all’ex Cinema Corso che potrà ospitare, oltre alle opere originali del Maestro anche altre attività, start up e iniziative per giovani talenti.