Vacanze a cavallo, come le star

image001Da Madonna alle teste coronate d’Europa, lo sport delle celebrities è l’equitazione. Ecco le mete per riscoprire l’Italia in sella

L’ultima che ha ripreso le redini è Madonna. Per ritrovare la forma perduta (anche del lato B), la celeb americana ha messo l’equitazione nella lista delle attività preferite, ancor prima dell’adorato pilates. Perché fa bene al corpo e alla mente, e perché è lo sport delle star. Ormai un’icona Charlotte Casiraghi con cap nero e tuta da fantino griffata, o i principi (azzurri) William e Harry d’Inghilterra, ma anche tra le teste non coronate l’equitazione è un must. La praticano per esempio Kim Kardashian, la modella Nina Senicar, l’attrice Jennifer Garner e Andrea Bocelli.

Ecco tre destinazioni tutte italiane, dal mare alla montagna, in cui esercitarsi e scoprire i segreti di questo sport.

Aquadulci, al galoppo tra le dune

A sud della Sardegna, a 40 chilometri da Cagliari, c’è un mare turchese e una distesa di sabbia bianca. Sono i Caraibi a portata di mano, è la spiaggia di Su Giudeu, sei chilometri racchiusi tra dune alte sino a 20 metri punteggiate da ginepri secolari. Da qui partono le uscite a cavallo organizzate per gli ospiti dell’Hotel Aquadulci di Chia (CA). Escursioni durante le quali cavallo e cavaliere possono sentirsi davvero liberi. E non c’è bisogno d’essere dei cow boy: ogni tour viene organizzato in base all’esperienza di chi partecipa, in totale sicurezza. Tra piscine naturali, fenicotteri rosa, siti archeologici e vecchi fari, a cavallo si possono percorrere sentieri immersi nella natura e arrivare su a Capo Spartivento, dove la vista sul Golfo degli Angeli esplode in tutto il suo splendore. Le escursioni sono coperte da assicurazione. Per le uscite vengono utilizzate selle e morso all’inglese (kandare). A disposizione cap e chaps per adulti e bambini. I prezzi sono di 25 euro per un’ora di escursione, 45 per due ore e 60 per tre ore.

Per informazioni: Aquadulci Hotel

Tel. 070.9230555

Sito Web: www.aquadulci.com

Castello di Petroia, in sella al Medioevo

Da allora ad oggi, i sentieri da esplorare a cavallo intorno al Castello di Petroia (PG) non sono cambiati: sono gli stessi che nel Medioevo venivano percorsi al galoppo da cavalieri al ritorno dalle loro imprese. Ancora oggi, all’interno del borgo dalle mura secolari che furono popolate dalla nobile famiglia degli Accomandugi e da Federico da Montefeltro, nato proprio in questo maniero, c’è la vecchia scuderia, ora trasformata in una delle raffinate 13 camere dell’Hotel Castello di Petroia. Al maneggio Lopez Horses si può sellare un frisone, tra le razze equine più antiche d’Europa, già utilizzate nel Medioevo, e attraversare il parco di 230 ettari intorno al Relais, tra foreste selvagge, pascoli di Chianine, praterie e belvedere che rendono giustizia alla strepitosa natura umbra. Per chi vuole imparare, ci sono a disposizione maestri di equitazione, che insegnano anche ai bimbi, dai 7 anni in su, le arti e l’amore per il mondo equestre. Per cavalcare nelle valli di Petroia, tra i 19 sentieri segnalati (che si riconducono anche al Percorso Francescano per la Pace) prezzi da 40 euro all’ora, per le lezioni di equitazione 25 euro all’ora per persona.

Per informazioni: Castello di Petroia

Tel. 075 920287

Sito Web: www.petroia.it

 

Post Cavallino Bianco, cow boy in vetta

Quando il Romantik Hotel Post Cavallino Bianco di Nova Levante (BZ) fu costruito, ospitava i villeggianti con i loro cavalli. Era il 1875. Ancora oggi l’equitazione è una delle emozioni che il Relais sa regalare: c’è il fascino delle Dolomiti, il colore del Lago di Carezza, la tranquillità dei boschi tutt’intorno, e un’offerta per chi voglia imparare a stare in sella, sperimentando le discipline di monta western e reining. Dopo le 5 ore di lezione d’equitazione in maneggio, calibrate sia per gli esperti ma anche per i principianti, ci si mette alla prova con una cavalcata di 3 ore sui sentieri. E al rientro, un trattamento viso CavallinoSpa sensitive e un massaggio rilassante Balance. Il costo dell’offerta è a partire da 980 euro a persona per 7 notti, comprensivo di mezza pensione e di tutti i servizi Romantik .

Per informazioni: Romantik Hotel Post Cavallino Bianco

Tel. 0471 613113
Sito web: www.romantikhotels.com

 

La 34esima Cavalcata Oswald von Wolkenstein all’Alpe di Siusi (Seiser Alm/Südtirol).

Vessilli e bandiere cavalleresche sventolano alla dolce brezza d’alta quota. I cavalieri sono in posizione, concentrati, pronti a dimostrare valore e destrezza. Intorno, una folla curiosa si ferma in febbrile attesa. La 34esima Cavalcata Oswald von Wolkenstein sta per cominciare. Chi conquisterà quest’anno l’ambito Stendardo del Menestrello?

Il più grande e coinvolgente spettacolo equestre dell’Alto Adige dedicato al celebre cantore, bardo ed artista medievale, torna nel weekend dal 10 al 12 giugno 2016 nelle splendide località dolomitiche (Patrimonio Mondiale UNESCO) dell’area vacanze Alpe di Siusi (Seiser Alm/Südtirol). Per tre giorni, l’altipiano più vasto d’Europa e i suoi paesi sono catapultati nelle atmosfere cavalleresche del Medioevo, per rendere omaggio con 4 rocamboleschi tornei, connubio di tradizioni antiche e sport, a Oswald von Wolkenstein, il poeta altoatesino, vissuto tra il XIV e il XV secolo, che girovagando in Europa e in Oriente, da diplomatico al servizio dell’imperatore Sigismondo I e proprietario di Castello Hauenstein (a Siusi allo Sciliar) compose una miriade di poemi e canzoni. Sui luoghi leggendari che hanno contrassegnato la sua vita, 36 squadre di cavallerizzi provenienti da tutta la regione, vestiti  di abiti tradizionali, in un tripudio di spettacoli, sfilate e feste medioevali, competono nell’incitamento della folla, per dimostrare nel minor tempo possibile di saper superare le 4 avvincenti prove cavalleresche. Il primo torneo, che ogni squadra composta da 4 uomini a cavallo in sella a destrieri avelignesi deve affrontare, è il “Passaggio degli anelli” a Colle a Castelrotto, che consiste nel far passare l’asta tra 3 anelli appesi a diversi intervalli, la prova del “Labirinto” di Siusi allo Sciliar (Matzlbödele) prevede che i cavalieri debbano impugnare insieme l’asta, fino a districarsi in un percorso labirintico nella fortezza. Si chiama il “Galoppo con ostacoli” il terzo torneo e si svolge intorno al Laghetto di Fié: ogni partecipante prende una biglia e la deposita su uno scivolo, per poi riprenderla al volo; c’è inoltre un cancello che i cavalieri devono superare cavalcando a ritroso. Infine l’ultima tappa è il “Passaggio tra le porte” (al galoppo a zig zag tra pali) che si svolge nell’antico maniero di Castel Prösels. La squadra che si aggiudica i 4 tornei nel più breve tempo possibile vince lo Stendardo del Menestrello, che resta al vincitore per un anno, ma diventa suo per sempre se conquista i tornei per 3 volte. La consegna avviene con una cerimonia di premiazione nel Castel Prösels.

Per informazioni: Alpe di Siusi Marketing (Seiser Alm/Südtirol)

Tel. 0471 709600

E-mail: info@seiseralm.it

Sito web: www.seiseralm.it