Falsi Modigliani dappertutto, dalle sculture ai quadri

4334.0.752704116-kbZB-U434205401268489TB-1224x916@Corriere-Web-Sezioni-593x443esposti con grandi enfasi nel Palazzo  Ducale di Genova

Con la perizia depositata in procura a Genova, secondo cui i 21 quadri di Amedeo Modigliani esposti lo scorso marzo a Palazzo Ducale sarebbero dei clamorosi falsi, il grande artista torna al centro di una triste vicenda legata alla contraffazione di opere d’arte. L’esperto pisano Carlo Pepi, tra i primi ad accusare le tele di essere una clamorosa truffa, era già stato protagonista nel 1984 della beffa di Modigliani, celebre scherzo ideato da un gruppo di studenti livornesi che realizzarono false sculture di Modì, tendendo una trappola ai più grandi esperti d’arte. Come racconta Giovanni Morandi, già  direttore di QN-Quotidiano Nazionale e autore del fortunato libro La beffa di Modigliani (Pagliai/Polistampa, 2004-2016), Pepi fu tra i pochi a denunciare le teste false. La sua opinione controcorrente – che lo portò all’epoca ad essere pressoché ostracizzato – si rivelò fondata: oggi come allora, Pepi si prende una meritata rivincita. 

I beffardi ragazzi livornesi e la poca credibilità degli ‘esperti’:

È il luglio 1984 (esattamente cento anni dopo la nascita di Amedeo Modigliani) quando a Livorno vengono ripescate, nel Fosso Reale, tre teste scolpite (si dice) da Modigliani stesso. I giornali di quell’estate riportano per giorni i particolari della notizia, il dibattito che ne segue, gli interventi degli esperti. Poi, a settembre, si scopre che le tre teste erano dei falsi, pietre scolpite dal trapano di tre studenti livornesi, e scoppia il caso. Nel frattempo l’unica persona che avrebbe sicuramente potuto accorgersi che si trattava di falsi – e cioè la figlia di Modigliani, Jeanne – muore a Parigi prima di poter vedere le sculture.

Giovanni Morandi ricostruisce tutta la vicenda della beffa di Modigliani, dando la parola anche ai falsari, quelli che venti anni fa erano tre ragazzi burloni e che adesso raccontano come quella beffa ha cambiato la loro vita.

In appendice: la biografia di Modigliani, la cronologia della beffa e la bibliografia. I edizione Pagliai-Polistampa: luglio 2004;  II edizione: gennaio