MARA GUERRINI - Una Pittrice una Scuola

GIAN LUIGI ZUCCHINI
Edizioni Capelli
€ 20,00

Nel rileggere il saggio dell'amico Zucchini ho ripercorso parte della mia vita con l'ottica speciale che lui propone: il profilo di un'artista, debitrice a molti che voglio ringraziare. I miei allievi che mi danno la soddisfazione di vederli compiuti in una ricerca personale, i miei maestri a iniziare dall'insegnante d'italiano Nella Fiorini che orientò i miei genitori verso una formazione artistica veramente inusuale, ricordo con gratitudine l'ineffabile Vanda Bergamini che mi spronò a visitare musei e a guardare da vicino le pennellate, fino al il maestro di scenotecnica Gardenghi, che impostò il mio sguardo verso la prospettiva.

L’OMBRA STRANIERA - Vita e poesia di Giovanni Pascoli

GIAN LUIGI ZUCCHINI
Edizioni Capelli
Pagine 208 - € 15,00

È il racconto di una vita, riletto attraverso la poesia. Il titolo è tratto da un verso del poemetto “Il vischio”, ed è metafora della morte, ombra e presenza che angosciò sempre il poeta, la cui vita si svolse nella semplicità di povere azioni quotidiane, sempre peraltro elevate in una visione di poesia. Il libro, che si snoda come un rapido racconto, intreccia episodi ed aneddoti di una storia che ha ben poco di avventuroso o di esaltante ma fu vissuta dal poeta con l’impegno verso il lavoro, in un’etica del dovere macerata sempre da sentimenti repressi e continue, feroci rimozioni. Il libro, scritto con linguaggio fluido e raffinato, si legge rapidamente, poiché non si tratta di una pesante e noiosamente puntigliosa biografia, ma di una narrazione che si fa apprezzare per il contenuto e per una scrittura di elegante chiarezza.

DIARIO & CANTADIARIO - Poesie cantate di Giovanni Pascoli

GLORIA FUZZI
Edizioni Capelli
€ 15,00

Il canta diario contiene due cd musicali, uno con le poesie di giovanni pascoli cantate da Gloria, pronipote del poeta e l'altro con le basi sulle quali potere ricantare le poesie.
Il gioco anagramma viene fatto sottolineando le sillabe o le parole del colore desiderato, poi riformando delle diverse poesie mettendo in sequenza cromatica le stesse parole seguendo i sette colori dell'arcobaleno e le sette note e così componendo via via una nuova poesia da musicare.

GIACOMO LEOPARDI

GIANFRANCO LELJ
Edizioni Capelli
€ 30,00

Gianfranco Lelj è uno dei più celebri fotografi nazionali ed internazionali.
Della sua attività ci parlano in maniera più che esauriente i suoi ultimi due volumi fotografici, entrambi curati da A.Capelli, il primo, sentito omaggio alla settima arte, dal titolo ”Cinema Italiano 1974-1994” in cui viene mostrata la sua collaborazione con registi famosi come Visconti, Fellini, Bolognini, Zeffirelli, in anni di appassionato lavoro.
Il secondo dal titolo “ Ritratti” appena pubblicato, in cui viene mostrata la sua valentia a cogliere, in visi di personaggi celeberrimi come di uomini e donne comuni, le note dominanti e segrete del loro carattere. Il presente volume, nato per amore della poesia del poeta Leopardi, mostra, sbalordendoci, come Lelj riesca, attraverso la sola luce, a far vibrare una statua muta facendola credere viva.

MASSACIUCCOLI - Nero sul lago

VITTORIA CALABRI
Edizioni Capelli, 2009
Pagine 104 - € 10,00

Non solo un giallo, ma un vero romanzo di investigazione, ambientato nelle poetiche atmosfere di un autunno sul lago di Massaciuccoli in Toscana. La magia di un appuntamento tra amiche d’infanzia è rotta dall’improvvisa sparizione di Giada, una giovane donna indipendente, fragile e misteriosa. Sulle sue tracce per quattro giorni, investigatrice improvvisata assieme ai Carabinieri e ad altri, l’amica Martina fa i conti con una realtà scomoda e mondana intrecciata a sordidi traffici che tanto stridono con la pacifica quasi monotona tranquillità del luogo. A far da cornice un’umanità vera e pungente, turbata da difetti e da aspirazioni mancate, ma viva e palpitante nel sentimento, analizzata con l’occhio clinico di una giornalista di esperienza quarantennale, Vittoria Calabri, che sa trattenere i lettori col fiato sospeso fino all’ultima pagina.“Che giorni tristi stiamo vivendo, Martina –stava dicendomi- Qui come si affaccia l’autunno tutto si spegne e pian piano va a morire. È un posto marcio, decadente.”

ARIE DELLA PIETRA

NICOLA MUSCHITIELLO
Edizioni Capelli
€ 15,00

La Pietra di Bologna, nota anche come "Aelia Laelia" irrompe sulla scena della cultura europea verso la metà del XVI secolo. Misteriosa è la concezione della sua epigrafe, e misteriosa è l'epigrafe stessa.
Fu vista la prima volta a Casaralta in quel di Bologna, sul muro di una villa di proprietà del nobile Achille Volta, che nel 1527 era stato nominato Gran Cavaliere dei Frati Gaudenti da papa Clemente VII.
La sequenza delle sue negazioni e le altre sue suggestioni cominciarono ad inquietare gli eruditi,che ne diedero svariate e ingegnose interpretazioni. E la sua fama, quasi inconcepibile,ingrandi. Tanto che nel XVIII secolo fu detto che " celebre ed insigne sarebbe stata Bologna, se altro ancora non avesse avuto e contenuto in se stessa, che questa enigmatica lapide".

GLI ARCANI DELL’ANIMA

GUALTIERO NICOLINI
Edizioni Capelli
€ 15,00

L’autore con una personale rielaborazione, muovendosi tra realtà e leggenda, affronta alcuni momenti importanti della vita del liutaio” maledetto” di Cremona, la cui esistenza è stata avvolta sempre da un alone di mistero. Il volume è arricchito da molte stampe della città di Cremona dei primi anni del ‘700 e del primo Ottocento e da alcune riproduzioni di violini di Guarneri del Gesù, gentilmente concesse da importanti collezionisti,Fondazioni o Enti pubblici, relative al periodo 1734-1744 in cui videro la luce strumenti quali il “Cannone”, che appartenne a Niccolò Paganini. Nel libro posto di rilievo ha anche l’intervento del m° Carlo Vettori di Firenze, unanimemente riconosciuto come uno dei più importanti liutai contemporanei, sulla tecnica costruttiva degli strumenti di Giuseppe Guarneri detto del Gesù.

DONNE CHE VAN SOLE... - Norma Mascellani e le “Altre”

ANNA BALDI
Edizioni Capelli
Pagine176 - € 15,00

... «Rimasi perplessa quando Norma Mascellani mi telefonò facendomi una proposta: fare un altro libro insieme, naturalmente su di lei. Subito la cosa mi attrasse ma contemporaneamente mi creò dubbi: tutto sulla Norma è già stato detto ed il rischio di imbarcarsi in un lavoro ripetitivo non era improbabile...
Decisi di andare da lei e parlargliene a voce. La trovai quasi sepolta da un cumulo di carte, giornali, recensioni, lettere, telegrammi... Fra quella massa mi colpì un titolo a caratteri cubitali: ‘Donne che van sole...’, evidenziato su ‘Il Telegrafo’ del 1942. Era il titolo di una mostra di pittura che si teneva in Versiglia. Subito scattò la scintilla che aspettavo: ecco l’idea! Ecco il taglio da dare al libro...»